Luca durante la finale Mixed del Paganello 2016
Anche se può non sembrare, quest’anno non è facile fare un pronostico certo visto quanto agguerriti sono tutti i Team. Lasciamo quindi la parola a Luca Tognetti dei Red Bulls, a cui abbiamo fatto un paio di domande prima di affrontare questo ultimo mese di preparazione.
M.S. Ciao Luca, come è andata la terza tappa?
L.T. La terza tappa è andata decisamente bene; abbiamo ottenuto 8 dei 9 punti disponibili. L'obbiettivo principale era di vincere contro il Cotarica di Rimini per rimanere davanti a loro in classifica e chiudere la regular season al secondo posto, guadagnandoci l'accesso diretto in semifinale
M.S. Confermato il secondo posto, ora il pensiero va alle finali. Cosa ti aspetti dal weekend del 21 e 22 maggio?
L.T. Per il weekend del 21 e 22 maggio ci stiamo preparando. Sappiamo che non sarà per niente facile arrivare a giocarci nuovamente la finalissima e sappiamo che qualunque errore può mandare all'aria un intero campionato. Vista la progressiva unione tra Red Bulls e Fotta sappiamo che sarà una delle nostre ultime occasioni per vincere.
M.S. Mi faresti un commento sulla stagione, come ti sembra lo stato di salute dell’Ultimate in Italia?
L.T. Il movimento dell'ultimate in Italia sta crescendo molto, basta guardare al fatto che quest'anno si sono aggiunti ai campionati la serie D e la categoria U17. Sarebbe bello che si sviluppasse lungo tutta la penisola italiana, e spero che raggiunga livelli di visibilità più alti.

Stiamo a vedere quindi, certi che la fase finale della Serie A sarà spettacolare sia per la lotta al vertice che per quella che vedrà impegnate le quattro squadre in zona Play Out: i Barbastreji di Padova, i Bischi di Firenze, i Cani e Porci di Imola e le Mucche di Bergamo.

Questo sito utilizza dei cookies. clicca qui per maggiori informazioni